Di   1 Ottobre 2016

Il trading sul gas naturale è un’ottima opportunità di guadagnare investendo in rete. Sono differenti le opportunità di investimento con questo asset e prima di capire in dettaglio come investire in gas naturale è utile definire in cosa esso consiste e quali sono i possibili vantaggi e svantaggi dell’asset in questione.

Quotazione Gas Naturale e grafico in tempo reale

Gas naturale: cos’è e come si estrae

Sapere cos’è il gas naturale è il primo passo per iniziare a guadagnare con questo asset. Il gas naturale fa parte dei combustibili fossili ed è composto da una miscela di idrocarburi, fra i quali prevale il metano. Si parla di miscele secche quando il metano costituisce l’idrocarburo predominante e di miscele umide quando la miscela presenta anche quantità rilevanti di butano o propano.

Oltre agli idrocarburi, la miscela di gas naturale è composta anche da sostanze gassose, fra le quali anidride carbonica, idrogeno solforato ed azoto, talvolta anche elio, kripton e radio.

Essendo il metano il componente principale del gas naturale, spesso si usano i due termini come sinonimi, parlando semplicemente di metano, sebbene i termini non siano perfettamente sovrapponibili.

Un elemento importante da tenere in considerazione nell’ottica di un possibile investimento in gas naturale è la sua modalità di estrazione. Il gas naturale si trova solitamente negli stessi giacimenti da cui si estrae il petrolio, infatti si parla di ricerca degli idrocarburi per indicare nel complesso la ricerca di gas naturale e di petrolio.

Una volta individuato il giacimento e forato lo strato di roccia sotto il quale sono presenti gli idrocarburi, il gas naturale tenderà ad uscire senza difficoltà e a raggiungere la superficie. Individuato il giacimento, dunque, l’estrazione del gas è piuttosto semplice.

Investire in gas naturale: futures e CFD

I due strumenti finanziari principali per investire in gas naturale sono i futures ed i contratti per differenza (CFD). I futures sono solitamente a scadenza mensile e richiedono all’investitore di impegnarsi ad acquistare, alla scadenza dello strumento, la quota di asset stabilita. Per guadagnare con i futures sui gas naturali è richiesto al trader di prevedere in modo corretto l’andamento del valore dell’asset nel mercato economico.

Un altro strumento di investimento per guadagnare con il gas naturale sono i contratti per differenza, conosciuti con l’acronimo CFD. I contratti per differenza sono uno strumento molto efficace per generare profitto con il proprio capitale di investimento e per fare trading su qualsiasi tipologia di asset, fra cui anche il gas naturale.

Il valore di alcuni CFD sul gas naturale è direttamente correlato all’andamento dei futures sullo stesso asset. Molti broker online offrono la possibilità di usare la leva finanziaria per incrementare i profitti, partendo da un capitale iniziale limitato.

Per un’esperienza di investimento positiva sul gas naturale è importante conoscere i fattori che potrebbero influire sul suo valore di mercato. Il prezzo del gas naturale, essendo richiesto principalmente come gas da utilizzare per il riscaldamento di abitazioni ed edifici (sebbene non sia il suo unico impiego), risente delle variazioni climatiche dei paesi richiedenti.

La domanda del gas naturale, come del resto per qualsiasi altro asset, è dunque un elemento essenziale per prevedere le possibili variazioni di prezzo. Un altro elemento da tenere in considerazione è l’offerta del mercato, ovvero la quantità di gas naturale estraibile e l’eventuale scoperta di nuovi giacimenti di idrocarburi.

Analizzando il mercato negli ultimi anni si è osservato che le variazioni del valore del gas naturale sono legate a quelle del petrolio. Lo studio dell’andamento del petrolio potrebbe quindi rivelarsi interessante e potrebbe fornire utili segnali di trading.

Quotazione e previsioni gas

Ad inizio settimana si è verificato un aumento dei futures sul gas naturale in scadenza nel mese di Novembre, dovuto essenzialmente ad un’ondata di coperture short messe in atto dagli investitori.

Nel corso della settimana è stato però diffuso un comunicato ufficiale circa le scorte dell’idrocarburo, le quali si sono rivelate superiori rispetto a quanto preventivato dagli analisti (52 miliardi di piedi cubi rispetto ai 51 miliardi previsti). Ciò ha determinato una chiusura della settimana al ribasso, con una perdita del 2,267%.

Secondo gli analisti, probabili tagli nella produzione potrebbero portare a un incremento delle scorte più basso rispetto alla media a cui il mercato è abituato, almeno nel breve periodo. Questo, accoppiato ad un possibile inverno più rigido o ad un inizio della stagione invernale anticipato da temperature più basse della media, potrebbe dare il via ad una fase rialzista, consentendo agli investitori di generare interessanti profitti con il gas naturale.

Come investire in Gas Naturale: quotazione e previsioni ultima modifica: 2016-10-01T10:21:09+02:00 da Vincenzo